sabato 27 luglio 2013

l' Etna dà spettacolo tra gli agrumeti

da febbraio faccio parte del gruppo free form di LAURA SORIA,
 affascinata da questa tecnica lo sono da sempre,ma calza a pennello il detto"tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare"
si perchè è free , ma non tanto free,ha delle regole precise che non puoi più di tanto aggirare.
questo era il compito delle vacanze del gruppo, LAURA ci ha chiesto un soggetto , naturalmente free form ,  il tema è
 qualcosa di rosso

subito ho pensato al vulcano, l' Etna, grande forza della terra, mistero, magia della mia Sicilia,
felice di poter usare i toni del grigio e del nero, poco usati in questa tecnica, o almeno non ho visto molti lavori con questi colori.
Laura ci ha dato delle regole da rispettare, degli obblighi, dei limiti, ma tutto resta molto free lo stesso, lo so è difficile da capire per un profano, ma è così.
 ho cercato di rappresentare anche l' altro spettacolo della naura , gli agrumeti
mi son sbizzarrita coi filati
in fase di allestimento, ma tutto può cambiare
mi è tornato in mente , vedendo questo mio lavoro finito,il grande VAN GOGH,
senza naturalmente paragonarmi nemmeno lontanamente a lui, ma la tentazione di mostrarvi il collegamento del mio pensiero è forte




Questo quadro è STARRY- NIGHT

qui il sito sul museo a lui dedicato

amo tantissimo questo pittore ,ribelle al gusto artistico dell'epoca, non ha mai venduto un quadro in tutta la sua vita, vorrei tornasse per poter vedere le quotazioni delle sue opere adesso.

il mio sole siciliano mi ha fatto venire in mente il suo modo di usare il colore
.
io il compito delle vacanze l' ho terminato, aspetto con curiosità un nuovo anno scolastico.

giovedì 25 luglio 2013

cappello d' estate

l' ultima passione , i cappelli, questo è stato realizzato in un giorno ,è in cotone e rafia naturale, ispirata da un loro modello
perfetto per le giornate estive

sabato 20 luglio 2013

chi ha pestato la coda del drago?

avevo acquistato quest' edizone illustrata di ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE anni fa, è un edizione illustrata.
è sempre sul mio comodino, coi libri che più conosco faccio così, li tengo lì a portata di mano per quelle sere che gli occhi tentano di chiudersi, ma vuoi leggere qualcosa, sapendo che dopo poco crollerai, ecco io prendo un libro conosciuto e ne leggo poche pagine.
nei giorni scorsi  ho molto sentito parlare di code di drago, io so che molti che seguono il mio blog son digiuni di facebook e d' uncinetto, allora per mostrarvi cosa intendo per coda di drago andate
è praticamente una sciarpa con un andamento che imita squame di lucertoloni

nel link indicato ci sono le spiegazioni in inglese

bene. cosa c' entra ALICE?    l' altra sera riprendo in mano questo libro ,precisamente queste pagine

è un dialogo ,mentre avviene questo dialogo ,ALICE pensa a una coda e immagina così l' andamento delle parole.
si chiamano calligrammi, sono dei componimenti che usano anche la forma di ciò che si vuole esprimere.

In questo post invece mi ero dilettata con gli ACROSTICI, che invece prendono l' iniziale di una parola per formare una frase attinente alla parola stessa.

mi è preso il ghiribizzo di farne uno sulla coda di drago

CALDA
                            ONDULAZIONE              
             DENTELLATA  
    ARMONIA

                      DRAGHI                     
         IMITI            

               DONDOLANDO 
     RALLEGRI
APPARI 
GIOIOSA
             OSCILLANDO   

questa è una versione tra il calligramma e l' acrostico , che non esiste ,almeno non è codificata(oh mamma ; codificata! coda anche qui! ) ma avevo voglia di giocare coi tasti del pc.

CALDA
                                ONDULAZIONE                                           
                 DENTELLATA  
                           ARMONIA

                                                        DRAGHI                     
                             IMITI            

               DONDOLANDO            
                 RALLEGRI
APPARI          
          GIOIOSA
                                                                OSCILLANDO  
dicevo appunto giocare, perchè a volte , molte volte negli ultimi tempi ho visto tante discussioni intorno ad argomenti che dovrebbe essere occasioni di rilassamento.
ecco il mio post su letteratura-giochini di parole- uncinetto-riflessioni, voleva essere un esercizio di relax

giovedì 11 luglio 2013

tutorial braccialetto

l' ho visto in  questo blog ( e per quel che ho capito, è già una rivisitazione di un' altra creatrice, ma ci sono tutti i link)  ,mi è subito piaciuto, per la semplicità, per il materiale, per la velocità con cui si realizzano,ho provato a seguir le spiegazioni date, ma sarà l' inglese o forse io che non ho capito, non riuscivo,poi ho provato a modo mio e  sono riuscita a fare quello che vedete in foto.il risultato è stato apprezzato dalla persona a cui l' ho regalato,  quindi ho pensato di tradurre le spiegazioni in italiano e condividerle, ho chiesto il permesso all' autrice del blog che è stata felice d' accordarlo


                                                            braccialetto
cotone o spago da lavorare con l' uncinetto n.4        il braccialetto finito misurerà cm. 17-17,5


avviare 30 catenelle, dalla quarta catenella lavorare un ventaglietto a punto soffio

 ( negli anni '70 quando ho imparato questo punto si chiamava così, infatti resta molto soffice, ben si addice in questo caso abbinato allo spago)


 praticamente si  mette il filo sull' uncinetto, come nella maglia alta, si entra nella catenella , si prende di nuovo il filo e si passa attraverso la maglia allungandola,in questo caso si ripeterà per 3 volte, filo sul' uncinetto,chiudere tutte le gettate sull' uncinetto in una volta sola.

infatti il ventaglietto è composto da 3 maglie soffio, 2 ct. 3m. soffio, tutto nella stessa catenella

dalla quarta catenella ( queste prime catenelle saranno come il primo gettato del ventaglietto, quindi solo in questo caso fare ancora solo due gettate)

lavorare un ventaglietto, saltare 3 ct.  un ventaglietto,fino alla fine , se tutto è andato bene alla fine del settimo ventaglietto vi resteranno 2 ct. nell' ultima lavorare 6 m. alte, serviranno per girare il lavoro e poi per applicare il bottone.
lavorare sull' altro lato in corrispondenza dei ventagli precedenti,alla fine lavorare alcune catenelle per fare l ' asola per il bottone.



questo azzurro è rifinito con un giro a maglia bassa intorno

su una base di 23 catenelle per una principessina


bottoni vintage assolutamente!




sabato 6 luglio 2013

farfalle , voli,suggestive coincidenze

ero a casa di FRANCA,lei va a raccogliere la biancheria stesa e si accorge con rammarico che la sua nuova t-shirt blu, di un bel cotone, ha uno strappo .

FRANCA, a un certo punto dice:"visto che in casa abbiamo un' artista, perchè non sfruttarla?"

in casa eravamo io , lei, il suo papà ammalato e un' altra amica,MADDALENA
Franca e Maddalena si guardano e mi guardano con sguardo complice e guardano verso di me che assisto Renato (papà di Franca) lavorando all' uncinetto.
insomma desiderava un rimedio   artistico -uncinettoso -riparatore per la sua maglietta.
ho pensato a una farfallina, ho chiesto che colori desiderasse, lei l' ha voluta tono-su- tono( perchè ho tutte amiche sobrie?)
questo è lo schema che ho usato . nello schema  la farfalla è blu!
FRANCA è stata contenta del risultato finale.
in questi giorni mi è venuta in mente una poesia di HERMAN HESSE(per un certo periodo ho letto solo suoi libri)
                              
Farfalla azzurra
 
Piccola, azzurra aleggia
una farfalla, il vento la agita,
un brivido di madreperla
scintilla, tremola, trapassa.
Così nello sfavillio d’un momento,
così nel fugace alitare,
vidi la felicità farmi un cenno
scintillare, tremolare, trapassare. 


Renato è volato via in quei giorni, la sua volata finale,appassionato ciclista,  io voglio pensare che lui abbia avuto una metaforfosi e che ora
  pedali contento in qualche pianeta a noi sconosciuto.

ho fatto bene a intitolare il post "  farfalle, voli, suggestive coincidenze"?